VITA IN DOWNSHIFTING IN PRATICA: COME RIUSCIRE A NON PROSCIUGARE IN FRETTA LE FINANZE atto primo

Regole del forum
Punti Topic 0
Punti Post 1
Pousinha
Reactions:
Messaggi: 230
Iscritto il: sab nov 14, 2020 12:13 am
Stato: Non connesso

VITA IN DOWNSHIFTING IN PRATICA: COME RIUSCIRE A NON PROSCIUGARE IN FRETTA LE FINANZE atto primo

Messaggio da leggere da Pousinha »

savings-box-161876_960_720.jpg
Premessa
Chiunque vive in modalità downshifting, fosse per scelta, fosse per forza di cose perchè le circostanze esterne non gli hanno dato alternativa, ha ben chiaro in mente un punto fermo: non può e non deve assolutamente sperperare. Sia che riesca a vivere di rendita intaccando il capitale, senza necessità comunque di lavorare (per chi vuole approfondire l'argomento, c'è il trio di articoli sul downshifting, sempre su questo blog, che meglio spiega VIVERE DI RENDITA: PREMESSE E UN PO' DI STORIA; VIVERE DI RENDITA IN MODALITA' DOWNSHIFTING e VIVERE DI RENDITA E TELELAVORO) oppure affidandosi al telelavoro se i risparmi con cui produrre interessi sono pochini. Magari più che vivere di rendita, in casi come questi, si tratta in effetti di vivere dei risparmi di una vita oppure ereditati, soltanto che la prima è l'espressione più in uso per indicare circostanze come queste. Sia come sia, tanto comporta l'intaccare per forza di cose il capitale (questo perchè i guadagni online e gli interessi sugli investimenti riescono raramente a coprire le spese di mantenimento mese per mese). Ne consegue la necessità di innalzare il livello di attenzione sulle spese e la questione diventa spesso valida anche per chi riesce a campare dei soli interessi su investimenti senza intaccare questi ultimi. Infatti, non è consigliabile nemmeno ai più fortunati il dormire sugli allori: se non intaccano il capitale, il motivo è spesso e ben volentieri costituito da figli e nipoti senz'arte nè parte (spesso incolpevolmente) che vogliono fare ereditare (e questi ultimi, a loro volta, potrebbero dover vivere in downshifting). Purtroppo in un paese in cui l'occupazione (offline) è tutto, tranne che garantita, l'arte di arrangiarsi non è mai troppa. Mancanza di meritocrazia a parte in Italia, esiste un accordo in ambito di Unione europea, secondo quanto esposto su Quora, impeditivo dell'occupazione al 100% al fine di non innalzare ulteriormente e vertiginosamente il già preoccupante debito pubblico. Insomma, dato il grigio quadretto, l'obiettivo di evitare il rapido prosciugarsi di pochi o comunque appena sufficienti risparmi, si fa quotidianamente presente.
Risparmiare in concreto
Nell'articolo VIVERE DI RENDITA E TELELAVORO, accennavo alla vita nel paesello di campagna a bassa manutenzione e all'evitare i costi di manutenzione di un conto corrente standard, optando per una carta prepagata con IBAN a zero spese o comunque un conto 100% online nell'opzione che prevede sempre zero spese, come N26. Cos'altro fare, però, per limitare e contenere quante più voci spesa possibili? Seguono alcune idee, prendendo a modello così come nel trio downshifting, single o coppie ultracinquantenni senza figli:

1) NON TOCCATEMI LA TV è out of limits
E già. Se siete teledipendenti, sappiate che questa dipendenza è una grande nemica del risparmio. In primo luogo, a pesare sul bilancio sono i canali a pagamento. Se vivete in downshifting, gli svariati Netflix, Sky e compagnia sono un lusso in piena regola e vanno posti nel dimenticatoio. Avrete un bel risparmio sull'abbonamento. Si dice poi che la TV, canali a pagamento a parte, è tra gli elettrodomestici che più succhiano energia, specie se la si dimentica accesa tutta la notte. Per quanto poi a buon mercato risulti la vostra abitazione, se vivete in una casetta che avete comprato per una miseria perchè molto datata, sicuramente avrà anche un impianto di energia elettrica molto datato e quindi di classe energetica poco efficiente, come E, F o G. A seconda del vostro budget, potreste anche andare oltre il limitare l'orario in cui tenete la TV accesa. Potreste anche pensare a vendere l'apparecchio TV (ci sono mercatini dell'usato che ne prendono e se riescono pure a venderlo, vi ritroverete pure con qualche soldo in più in tasca -personalmente ho un'esperienza positiva da questo punto di vista, avendo venduto uno o due apparecchi usati al mercatino della mia città quando ancora vivevo in Italia-): risparmiereste pure di canone RAI, se compilate e inviate correttamente, nei termini di legge, l'apposita autocertificazione via raccomandata A/R in cui affermate che nella vostra casa non è presente alcuna TV. Da quando il canone RAI è finito in bolletta, la burocrazia per evitarne il pagamento s'è fatta più laboriosa rispetto ad anni fa, ma non è nulla dell'altro mondo. Basta che procediate all'invio entro il termine prestabilito (per quest'anno era il 31 gennaio, per l'anno prossimo, iniziate a dare un'occhiata tra novembre e dicembre). Più dettagli sul punto li trovate sul portale Altroconsumo.
Anche se la cosa può apparire di difficile attuazione, alla fine sono tutti soldi che restano in tasca. Il solo canone RAI costa novanta euro che faranno molto comodo. Sommarli poi con il costo dell'abbonamento della TV a pagamento per un intero anno e vedrete che la cosa si fa ancora più interessante. Dopotutto, avendo quantomeno un cellulare, se non addirittura un pc (altrimenti non riuscireste neppure a leggere quest'articolo, senza), sarete in grado di vedere innumerevoli programmi via youtube, Daily Motion e Vimeo. Tra i quali moltissimi documentari, podcast e cortometraggi educativi. E se amate le lingue straniere, troverete gli stessi nelle lingue di vostra preferenza. L'ottima notizia è che guardare programmi da pc o cellulare non comporta alcun pagamento di canone RAI, come è stato oramai chiarito, dato che il progetto di legge che ne prevedeva l'inclusione non era poi passato

2) addio TV: benvenuta tecnologia digitale (quasi) sostitutiva e bolletta meno cara
Considerate poi il risparmio nella bolletta della luce, infatti. Ok, direte ora che la corrente che risparmiate perchè non avete più laTV, la pagate tenendo acceso il pc e/o caricando la batteria del cellulare. Sappiate che quantomeno per quanto riguarda il cellulare, ecco in arrivo un'altra buona notizia: se fate uso di un caricabatteria a energia solare, non vi servirà più tutte le volte la corrente per la batteria del telefono. Basta che il caricabatteria stia a contatto con i raggi del sole, che sarà perfettamente in grado di mantenere sotto carica il cellulare (meglio se di notte, se siete telelavoratori e non potete rimanere parecchie ore senza poter usare il cellulare, perchè il caricabatteria a energia solare va lento a ricaricare il telefono). D'accordo, comprare un aggeggio del genere costituisce una spesa. Ma è una spesa una tantum, che con il passar del tempo ammortizza i costi della corrente elettrica. Il caricabatteria a energia solare è un prodotto durevole. Per il pc (o notebook) non può far nulla, non è abbastanza potente (non collegate un caricabatteria solare a un notebook, potreste rovinare il primo e non sortireste effetto per il secondo). Se siete tra coloro che temete in particolare la combinazione pc/consumi energetici, se non siete telelavoratori per i quali è imprescindibile uno schermo grande, una tastiera comoda e un mouse, potreste anche decidere di servirvi del solo telefono per ogni cosa: internet banking, mantenervi informati, intrattenervi, e perchè no, anche svolgere piccoli task remunerati online come rispondere a sondaggi e partecipare a forum paganti. Dovendo però servirvi di un unico dispositivo per qualsiasi circostanza, ricordatevi di scannerizzare frequentemente le app con un buon antivirus come kaspersky per piccoli dispositivi mobili (esiste la versione free su google play store) e raffreddare la batteria con un buon cooler (ugualmente gratis su play store). Diciamo che in casi come questi sarebbe bene comprare un cellulare con funzioni avanzate quanto a sicurezza, spazio in GIGA e RAM, come gli ultimi modelli Samsung linea A (non è necessario spendere un botto per la linea S, la linea A basta e avanza). Ricordate in ogni caso di passare a rassegna dell'antivirus (che dovete mantenere sempre aggiornato) le app tutte le volte in cui dovete fare uso dell'internet banking per via della vostra hype card, conto N26 e simili. Non aprite poi mai nulla di sospetto, nè via mail in app, nè via sms. Purtroppo, poichè perfino pagine web e canali youtube legittimi e seri possono trovarsi sotto attacco hacker, se avete visualizzato un video di troppo, anche il vostro cellulare non è esente da rischi. Dovete mantenere la vostra carta conto al sicuro. Se poi decidete di tenere un pc in casa, a mio avviso è pur sempre preferibile al solo telefono e in ogni caso, se non vado errata, non consumerà mai quanto una TV. Quest'ultima fa poi lievitare visibilmente i costi perchè rimane spessissimo accesa contemporaneamente ad altri elettrodomestici e chissà quante volte la si dimentica accesa (come accadeva al mio anziano zio che ci si addormentava davanti). Ok, per una bolletta meno cara servono ulteriori accorgimenti, oltre a questi, del tipo:

3) uso lavatrice e corrente: se la vostra bolletta prevede una tariffa bioraria, concentrate tutti i lavaggi in quella di minor consumo, nei limiti del possibile

4) uso lampadine led, ovvero quelle a basso consumo: non tutti le trovano eleganti e in effetti potrebbero mal conciliarsi con l'arredamento di alcune stanze. Ma se dovete risparmiare, c'è da sapere che spesso i prodotti che tra di loro si abbinano, non fanno spendere poco

5) eventuale cambio routine: prestissimo a nanna per potervi alzare all'alba, sempre che questo non sia già il vostro stile di vita. Se non lo è, potete provare ad adottarlo, ma se non dovesse fare per voi, meglio non insistere. Ci sono persone che rendono di più nel lavoro e nello studio nelle ore serali anzichè al mattino, per cui è alla fine preferibile tenere accesa qualche lampadina in più o più a lungo e lavorare meglio, anzichè tentare la vita del mattiniero senza esito

Eventuali ulteriori abbonamenti evitabili
Non soltanto l'abbonamento ai canali televisivi a pagamento non è congeniale con una vita in downshifting. Anche gli eventuali abbonamenti a quotidiani e riviste (fossero offline, fossero online) mal si conciliano con quest'ultima. Di tutto quel che può essere reperito gratis online quanto a notizie e sport, si può tranquillamente usufruire. Vero che gli abbonamenti danno diritto ai contenuti esclusivi che le versioni gratuite non forniscono, ma purtroppo vanno lasciati a chi può permettersi di pagarli senza per questo intimorirsi a causa del longevity risk. Le notizie gratuite, comunque, bastano e avanzano per tenersi informati più che a sufficienza. Non si tratta poi di grandi sacrifici. Capisco che invece se si hanno figli, specie piccoli o adolescenti in età scolare, non è così facile affrontare tutte queste economie, specie in tempi di coronavirus (per studiare a casa da scuola hanno bisogno di un minimo di tecnologia decente tutta per loro per svariate ore al giorno e se alla sera non sono riusciti a smaltire compiti particolarmente difficili, non li potranno certo svolgere al buio per risparmiare corrente, nè men che meno devono saltare i compiti nell'ansia della tariffa luce bioraria), ma se le finanze sono quelle che sono, il discorso niente TV e niente abbonamente superflui resta in piedi. Non ci si può indebitare per la serie TV preferita, nè per un abbonamento a qualche rivista.
Prossiamente, ulteriori accorgimenti per una vita in downshifting in serenità.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Pousinha
Reactions:
Messaggi: 230
Iscritto il: sab nov 14, 2020 12:13 am
Stato: Non connesso

VITA IN DOWNSHIFTING IN PRATICA: COME RIUSCIRE A NON PROSCIUGARE IN FRETTA LE FINANZE atto secondo semiserio

Messaggio da leggere da Pousinha »

Ottima idea Hitomi, questa della pubblicazione diretta dei nostri articoli :D
Ho aggiunto l'immagine, dato che i miei l'hanno tutti 8-)
Hitømi
Reactions:
Messaggi: 124
Iscritto il: mar nov 10, 2020 8:03 pm
Referrals: 1
Gender:
Stato: Non connesso

VITA IN DOWNSHIFTING IN PRATICA: COME RIUSCIRE A NON PROSCIUGARE IN FRETTA LE FINANZE atto secondo semiserio

Messaggio da leggere da Hitømi »

Hai fatto più che bene 😁

Torna a “MMF Blog”