Prima di fare qualsiasi cosa leggere il regolamento. Lo staff ringrazia per la collaborazione!

la triste realtá lavorativa OFFLINE italiana

Parla di qualunque cosa non rientri nelle altre sezioni!

Moderatore: Collaboratori

Regole del forum
Punti Topic 3
Punti Post 1
Avatar utente
Pousinha
Reactions:
Messaggi: 865
Iscritto il: 09/04/2020, 18:29
Località: Brasile
Referrals: 25
Età: 43
Stato: Connesso

la triste realtá lavorativa OFFLINE italiana

Messaggio da leggere da Pousinha »

Apro questo topic perché il prosieguo dell'argomento sotto la chirurgia plastica ci stava di palo in frasca :lol:
magnetinik ha scritto:
28/06/2020, 4:51
Volevo dire che anni fa era molto più semplice.


Piú semplice come? Ora che ci possono contare pure i peletti che fuoriescono dal naso grazie alla tecnocrazia incipiente :roll: .
magnetinik ha scritto:
28/06/2020, 4:51
Adesso ci sono più controlli, ma comunque con un po' di "arte" ci si riesce lo stesso.
Riesce come? Se fino a vent'anni fa, pure a fronte delle raccomandazioni e clientelismo, margini di superamento concorsi pubblici esistevano anche a favore di chi non aveva nessun parente politico, mentre oggi sono spariti del tutto? Se intendi l'umiliante lavoro nero, non é certo un gran traguardo :?
magnetinik ha scritto:
28/06/2020, 4:51
Eh, lo so che ho toccato un tasto dolente, almeno per noi due, perché fino ad ora nessun altro sui forum si è lamentato. C'è una triste - ma forse più che triste direi orribile - realtà, ed è che la gente si è rassegnata a questo andazzo. Quasi quasi lo considera normale!


Ecco perché nessuno si lamenta, ma se non lo fanno nei forum é perché non trovano sia la sede adatta. Mi preoccupa invece semmai che lo si consideri normale offline e il motivo te l'ho risposto piú sotto.
magnetinik ha scritto:
28/06/2020, 4:51
Certo è che se nessuno lotta, nel suo piccolo, non cambierà mai nulla.
Lotta, Magnetinik? E dove? Nel paese il cui motto é armiamoci e partite? :roll:
magnetinik ha scritto:
28/06/2020, 4:51
Quanto male hanno fatto i politici a questo Paese! Vero che qualcuno era in buona fede (e infatti ha fatto la fine che ha fatto), ma in generale siamo passati dalle stelle (anni '80) alle stalle.
Ecco perrché va tolto il quasi quasi di 2 quote fa.



Avatar utente
milva1
Reactions:
Messaggi: 2176
Iscritto il: 30/03/2020, 10:14
Località: Toscana
Referrals: 6
Stato: Non connesso

la triste realtá lavorativa OFFLINE italiana

Messaggio da leggere da milva1 »

io sinceramente, non c'ò capito niente.

darile
Reactions:
Messaggi: 368
Iscritto il: 13/04/2020, 22:29
Referrals: 5
Stato: Non connesso

la triste realtá lavorativa OFFLINE italiana

Messaggio da leggere da darile »

Io penso che chi abbia delle qualità e delle qualifiche il lavoro lo si possa trovare anche senza raccomandazioni. La preoccupazione più che altro sono le poche offerte presenti del mondo del lavoro ... se non si farà in modo che le imprese possano investire nella propria azienda senza troppi burocrazia e le troppe tasse che ci affliggono, sarà sempre dura.

Avatar utente
Pousinha
Reactions:
Messaggi: 865
Iscritto il: 09/04/2020, 18:29
Località: Brasile
Referrals: 25
Età: 43
Stato: Connesso

la triste realtá lavorativa OFFLINE italiana

Messaggio da leggere da Pousinha »

Appunto darile, appunto le poche offerte, ma soprattutto la burocrazia e le tasse che rispetto agli altri paesi sono uno sproposito. La mia parrucchiera astigiana parlava del 70% che se ne andava in imposte, contro il 30% brasiliano (e per i brasiliani sono giá altissime cosí, figurati) e non scherzava. Ma secondo te, appunto: non trovi che questo sistema sia mantenuto proprio a bella posta per favorire le raccomandazioni e il clientelismo, marchi di fabbrica italiani? Oppure, se il motivo non é questo (do il beneficio del dubbio, perché ammetto di potermi sbagliare, trattandosi di impressioni di pancia), il mancato cambiamento del sistema burocratico ho pur sempre dubbio che sia dovuto a ragioni limpide (stesso beneficio del dubbio). Non ti é venuto in mente che é mantenuto apposta o sono io malpensante? Un'ideologia che serpeggia da tempo immemorabile é poi la seguente: imprenditore nemico pubblico n.1, complici i negrieri proprietari terrieri, ma anche di fabbriche e stabilimenti che ai tempi di mia nonna si arrichivano sfruttando gli operai e i braccianti. Complice l'assenza dei sindacati, che ai tempi sempre di mia nonna non esistevano e dunque in pratica operai e braccianti erano privi di qualsiasi diritto previdenziale.

darile
Reactions:
Messaggi: 368
Iscritto il: 13/04/2020, 22:29
Referrals: 5
Stato: Non connesso

la triste realtá lavorativa OFFLINE italiana

Messaggio da leggere da darile »

La pressione fiscale in Italia per le imprese è pari al 48% e non pur essendo tra le più alte in Europa non penso che sia fatto apposta per favorire le raccomandazioni .. tra l'altro non ne troverei un collegamento. Il fatto è che in Italia si deve ricorrere ad una pressione elevata per mantenere tutta la baracca a causa di elevati sprechi e sperpero di denaro pubblico e di un dilagante lavoro in nero che non si riesce a combattere in maniera efficace. Il primo problema si potrebbe risolvere con una politica efficace di studio e risoluzione degli sprechi che tutti i governi promettono ma che nessuno è riuscito a fare in cambierà convincente. Il secondo problema potrebbe essere risolto, almeno in parte, con un controllo sul territorio efficace delle aziende ma andiamo incontro ad un altro problema .. la mancanza di agenti delle forze dell'ordine.

Avatar utente
Pousinha
Reactions:
Messaggi: 865
Iscritto il: 09/04/2020, 18:29
Località: Brasile
Referrals: 25
Età: 43
Stato: Connesso

la triste realtá lavorativa OFFLINE italiana

Messaggio da leggere da Pousinha »

Gatto che si morde la coda: se mancano funzionari é perché appunto manca il denaro e se manca il denaro é a causa degli sprechi che indichi. Il lavoro nero non si puó combattere efficacemente perché combatterlo efficacemente significa letteralmente far morire di fame chi non ha alcun modo per trovare un impiego regolare. E non credo proprio che i membri del governo italiano se li porteranno a mangiare a casa loro. Tra l'altro, per tappare i buchi, ci vorrebbe che i parlamentari dimezzassero i loro stipendi, cosa che ovviamente non saranno mai disposti a fare, tranne qualche caso che verrá considerato nerd dai colleghi.

Avatar utente
magnetinik
Reactions:
Messaggi: 160
Iscritto il: 26/05/2020, 13:52
Località: Sassari
Stato: Non connesso

la triste realtá lavorativa OFFLINE italiana

Messaggio da leggere da magnetinik »

darile ha scritto:
28/06/2020, 17:58
un dilagante lavoro in nero che non si riesce a combattere in maniera efficace
Non si riesce a combatterlo perché non lo si vuole combattere, semplicemente perché sanno benissimo anche loro che senza il lavoro nero moltissime famiglie sarebbero alla fame, e la criminalità aumenterebbe esponenzialmente. Prova a togliere il lavoro nero a un padre di famiglia che ha bocche da sfamare e vedi cosa ti combina! In alcuni casi, non in tutti ovviamente, il lavoro nero non è una opzione ma l'unica possibilità per campare, al sud Italia in particolare.
Non sto dicendo che lavorare in nero sia giusto, ma non essendoci lavoro regolare per tutti, non vedo alternative.
Le migliori PTC in Bitcoin: BTCClicks e BtcVic

darile
Reactions:
Messaggi: 368
Iscritto il: 13/04/2020, 22:29
Referrals: 5
Stato: Non connesso

la triste realtá lavorativa OFFLINE italiana

Messaggio da leggere da darile »

Il lavoro regolare non c'è perché permettiamo alle aziende di truffare lo Stato non pagando le tasse ... in questa maniera si dà una bella mano agli imprenditori disonesti ed alla malavita. Ricordiamoci che al Sud una buona parte del lavori nero è gestito dalla criminalità.

Se la stragrande maggioranza del lavoro fosse regolare (come avviene nei paesi nordici per esempio) si potrebbero abbassare le tasse in maniera tale che gli imprenditori onesti abbiano maggior profitto permettendo in questa maniera anche l'aumento dei posti regolari e un generale benessere economico della Nazione.

Avatar utente
Astrella63
Reactions:
Messaggi: 322
Iscritto il: 18/05/2020, 16:32
Età: 56
Stato: Non connesso

la triste realtá lavorativa OFFLINE italiana

Messaggio da leggere da Astrella63 »

Andrebbe resettato il mondo intero. A Firenze i commessi di piccoli negozi e delle grandi catene, gli operai nelle fabbriche, i muratori, gli imbianchini, le cameriere (pub, pizzerie e ristoranti), le badanti, le OSS nelle RSA e negli ospedali, le colf, le stiratrici, i corrieri e i ragazzi che consegnano i mobili, sono tutti, ma veramente tutti, stranieri. Assunti o a nero, sono stranieri. L'Italia non è più il Paese dei Balocchi, sarebbe giusto prenderne atto, parificare stipendi e contributi, ed assumere prima gli italiani. Questo il primo passo. Secondo: i Sindacati dei lavoratori devono capire che qualcosa devono cedere per venire incontro ai datori di lavoro, altrimenti la situazione non si sbloccherà mai. Serve meno burocrazia e rendere più elastico il nodo assunzioni / licenziamenti. Io sono una dipendente, per cui quel che ho scritto per me è controproducente, però mi rendo conto che così com'è impostato ora il meccanismo è già bloccato di partenza.

Avatar utente
Pousinha
Reactions:
Messaggi: 865
Iscritto il: 09/04/2020, 18:29
Località: Brasile
Referrals: 25
Età: 43
Stato: Connesso

la triste realtá lavorativa OFFLINE italiana

Messaggio da leggere da Pousinha »

@Magnetinik: pure al nord-ovest, pure lí. La rogna é l'avere ideato, giá nel lontano 1948, una costituzione programmatica anziché precettiva, la quale ha difatti reso il lavoro regolare un lusso o un privilegio. Mi chiedo se i padri costituenti fossero spropositatamente ingenui.

@Darile: quello che dico sempre é che i popoli nordici sembrano avere un DNA migliore di quello italiano, hanno indubbiamente una mentalitá diversa e l'onestá gli scorre nelle vene al contrario di quanto accade nei paesi latini. Non é a caso che i paesi nordici, ma puregli anglosassoni, vengono con frequenza contrapposti ai paesi latini.

@Astrella: se non ve ne siete accorti, lo fanno di proposito a impiegare solo stranieri perché c'é in atto una vera e propria sostituzione di popoli come il piano Kalergi annunciava (in barba a chi non ci credeva e a tutt'ora non ci crede).
I giovani (e pure i meno giovani) talentuosi devono migrare verso i paesi meritocratici e rimboccarsi le maniche per dare una mano a mantenerli fair e sviluppati. E' un consiglio che do ad amici anche attempati (termine senza offesa) che a molti anni di distanza dalla laurea non hanno trovato nemmeno da fare le pulizie perché non conoscono nessun politico. Godendo di ottima salute, spostarsi gli é molto piú facile perfino rispetto a un giovane che deve essere seguito per continui trattamenti.

Torna a “Off Topic”